La Storia

giorgia

zafferani

cofass

studiostampa

reggini

gruppoSono passati ormai 30 anni da quella che era partita come un’iniziativa per famiglie. Il venerdì sera si andava a camminare o a correre, tutti insieme anche con i bambini, per fare movimento all’aperto e poi si finiva la serata davanti alla pizza. Nacque così, forse con una valenza più sociale che sportiva, il GPA San Marino (Gruppo Podistico Amatoriale). Soci fondatori: Libero Barulli, Enzo Borbiconi, Tarcisio Gennari, Piero Giuliani, Michele La Pietra, Marcello Muratori, Ettore Pazzini. Nonostante la dimensione dilettantesca, non mancavano velleità agonistiche e competitive. Tanto che nel tempo sono arrivati i campioni e risultati anche importanti nei vari calendari di gare nazionali e internazionali. Poi i bambini crescono, a volte prendono altre strade e si interessando ad altri sport, ma il GPA San Marino ha continuato a correre sulle strade del territorio e a frequentare, ogni volta che era possibile, anche le strade del mondo. Oggi, gli iscritti sono oltre 100, compresi bambini e anziani perché non c’è discrimine di età; il presidente è Carlo Tasini; è affiliato a Cons, Uisp, Fsal, Fidal e Fiasp. 
Il raduno è sempre durante la settimana per gli allenamenti e la domenica mattina per le gare dei vari calendari podistici o semplicemente per coltivare la passione del correre insieme all’aria aperta. Si corre negli spazi verdi del territorio (pochi per la verità): Fonte dell’Ovo, parco di Serravalle, parco Ausa, con un occhio alla natura e uno al calendario della gare. Il GPA le ha frequentate tutte, dalla mitica Stramilano alla famosissima maratona di New York. In mezzo ci sono le maratone di Roma, Venezia, Parigi, Berlino, Lisbona e la recentissima Cortina Dobbiaco, che attraversa i boschi e le montagne più belle del mondo. 
Nel gruppo del GPA ci sono atleti che rappresentano un po’ tutte le possibile lunghezze di percorso: i 4 chilometri, i 10, i 21 (mezza maratona) e i 42 chilometri, cioè la maratona classica. Ma c’è perfino chi è in grado di coprire anche 100 chilometri di corsa. Punte di diamante: Roberto Giorgetti, Michele Agostini, Fausta Borghini, Johnni Candoli, Massimiliano Toccaceli, William Terenzi, Massimiliano Lazzari, Giuseppe Parrotta e tantissimi altri che meriterebbero di essere citati. Ovviamente è in questa cerchia che si disputa la classifica interna, 10 prove nell’arco dell’anno, tra cui ogni volta si premia l’atleta migliore, il podista dell’anno. 
Tra le tantissime attività del gruppo, in primis, l’organizzazione della celebre “Maratonina di Natale”, che nel 2011 ha tagliato il traguardo della 40° Edizione, gara valevole per il calendario del trofeo “Mare – Verde – Monte”. Una classicissima del podismo romagnolo, capace di ricevere 2000 e più iscrizioni, e che attira tantissimi atleti di livello nazionale ed internazionale. Nell'albo d'oro spiccano, tra tutti, i nomi di vincitori di assoluto prestigio: Domenico Ricatti, Laura Giordano, Rosaria Console, Roberto Barbi, Gianluca Borghesi, Graziano Calvaresi, Ana Nanu e scusateci se abbiamo dimenticato qualcuno. 
Perché tanto successo? Semplice: più che una gara sportiva è una vera festa, dove c’è posto per tutti, premi per tutti, divertimento per tutti.
Tre i percorsi previsti: 16,850 chilometri in versione competitiva e non competitiva; 7 chilometri; 3 chilometri per i bambini, con partenza e arrivo all'interno dello Stadio Olimpico di Serravalle. 
Proprio questa gara, la “Maratonina di Natale”, rappresenta tutti i valori e gli ideali del GPA San Marino: le sue capacità organizzative e di autofinanziamento grazie agli sponsor; la voglia di stare insieme facendo qualcosa che piace a tutti; l’amore per la natura e per gli sport salutistici; e non ultimo, l’interesse per San Marino, che grazie alla “Maratonina” viene valorizzato anche dal punto di vista turistico.

(Parte di quest'articolo è stata recuperata da un articolo di Angela Venturini pubblicato su Sorpresa nel dicembre 2006)